La rincorsa del M5S ai voti cattolici parte e continua da Verona. La città del Congresso delle famiglie, quello dove lo scorso marzo Matteo Salvini andò a comiziare davanti a una platea convinta che l’aborto sia il male e che gli omosessuali vadano curati. “Il suo primo errore” pensarono e pensano i Cinque Stelle e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Fantasia al balcone! “Affacciati Salvini. C’è Zorro: fuori i 49 mln!”

next