“Diego non ha nulla a che fare con Maradona, però Maradona porta Diego ovunque”. Il fermo-immagine del suo storico preparatore, Fernando Signorini, viene da Diego Maradona, il documentario con cui il bravo Asif Kapadia completa la trilogia iniziata con Senna (2010) e proseguita con il premio Oscar Amy (Winehouse) nel 2015. Fuori concorso a Cannes, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Com’è umano il mostro

prev
Articolo Successivo

Balestrini è uscito dal Gruppo 63.Addio al Poeta dell’Avanguardia

next