La campagna elettorale per le Europee volge al termine e, com’è normale, si fa più virulenta. Bizzarramente, però, la dialettica più dura resta quella tra Lega e M5S che sono, a minuti alterni, maggioranza e opposizione. Ora il campo di battaglia è il prossimo Consiglio dei ministri: dovrebbe tenersi lunedì perché ci sono nomine da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Euroimbarazzanti: la lista elettorale più lunga è di chi ha guai con la Giustizia

prev
Articolo Successivo

“La Lega ha forzato sulla sicurezza solo per fini elettorali”

next