Ben nascosta nello sterminato elenco delle liste per le Europee c’è una candidatura a suo modo eccellente: torna in pista Gianmario Ferramonti. Un pezzo di storia italiana, scritto tra la politica di superficie e il potere vero, sotto traccia. Tra realtà e millanterie; partiti, massoneria nazionale e internazionale, servizi segreti, Un arresto (nel 1996, poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salvini diserta il comizio (e un’altra contestazione)

prev
Articolo Successivo

Imprese, clima e famiglia. Come vota la destra in Ue

next