Il Comitato d’indirizzo del Salone del Libro di Torino ha deciso in senso antifascista e democratico: alla kermesse che comincia il 9 maggio non saranno ammesse le presenze di esponenti politici in veste di protagonisti di eventi, o per passerelle elettorali. Un messaggio chiaro indirizzato anche a Matteo Salvini, che avrebbe dovuto presentare al Lingotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

“Più uguali col grembiule? È soltanto un’idea ipocrita”

next