Per Matteo Salvini è la prima vera sconfitta politica dalla nascita del governo. Un boccone amaro difficile da digerire, quando sembrava che il caso stesse già passando in cavalleria. Invece la decisione di Giuseppe Conte di scaricare Armando Siri, il sottosegretario alle Infrastrutture sotto inchiesta per corruzione per la vicenda dell’eolico, annunciando la revoca del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Siri fuori”: il decisionista Conte perde la pazienza

prev
Articolo Successivo

L’ultima mossa di Mr. Flat Tax: puntava sull’incontro con i pm (ma senza domande)

next