L’alleato

Salvini furibondo ma non “s’impicca” al sottosegretario

Il leghista costretto alla resa: “Decidano loro, io mi occupo di altre cose”. Difficili le barricate in consiglio dei ministri

Di Gianluca Roselli
3 Maggio 2019

Per Matteo Salvini è la prima vera sconfitta politica dalla nascita del governo. Un boccone amaro difficile da digerire, quando sembrava che il caso stesse già passando in cavalleria. Invece la decisione di Giuseppe Conte di scaricare Armando Siri, il sottosegretario alle Infrastrutture sotto inchiesta per corruzione per la vicenda dell’eolico, annunciando la revoca del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui