All’ombra delle mura austere dell’abbazia di Montecassino si consuma un’altra storiaccia grottesca e imbarazzante per la Lega di Matteo Salvini. Siamo nel basso Lazio, quasi a metà strada tra Roma e Napoli, lontani dai riflettori nazionali e dai pensieri del “Capitano”: Cassino e i suoi 36mila abitanti il 26 maggio votano per il nuovo sindaco. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

“Scontri del 1°Maggio. Il Pd vuole la polizia per dividere i NoTav”

next