Ripicche, finte e troppa tattica. L’ultima sfida sull’addio di Siri

Salvini prende l’aereo all’ultimo minuto, Di Maio corre a Palazzo Chigi. I due vice ormai giocano sporco. Stavolta il premier non può mediare

Ora i due vicepremier che non si salutano più giocano pesante, giocano a chi ha meno paura di andare alla crisi, anche se tutti e due dicono di non volerla, per carità. Ed è (anche) il banale gioco del cerino, che più di strategia politica sa di dispetto da scuola media. Tanto il clima spesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.