Ora i due vicepremier che non si salutano più giocano pesante, giocano a chi ha meno paura di andare alla crisi, anche se tutti e due dicono di non volerla, per carità. Ed è (anche) il banale gioco del cerino, che più di strategia politica sa di dispetto da scuola media. Tanto il clima spesso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Via il Tagliadebiti di Roma. I gialloverdi ai ferri corti

prev
Articolo Successivo

I colloqui di Zingaretti con Mattarella: “Il Pd non appoggerà nessun governo”

next