“Tutto è possibile”. Sono le sue prime parole sotto gli evanescenti neon verdi. Vladimir Zelensky è presidente e lo urla alla folla quando capisce di essere diventato l’uomo più potente del paese. A qualcuno manca il respiro per la felicità, a qualcuno per il panico. È lo stato dell’arte ucraino: il giullare della tv ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Stavo per pagare e zac… il conto era bloccato”

prev
Articolo Successivo

La memoria di Kiev nella fossa dei 30 mila liquidati dalle SS

next