Si legge salva Roma, si traduce caso Siri. È la sorte del sottosegretario leghista alle Infrastrutture, indagato per corruzione, la vera posta in palio nella rissa ormai quotidiana tra i gialloverdi, capaci di rendere isterico anche il lunedì di Pasquetta. Perché alla vigilia di un Consiglio dei ministri che vale come uno snodo Lega e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cagliari, “segreto di Stato” sulla tesi di laurea di Christian Solinas, il “trota sardo”

prev
Articolo Successivo

La sindaca mostrificata indigna il web: “Caro Espresso, ci vien voglia di votarla”

next