“Ritengo doloroso, ma giusto, rassegnare ora le mie dimissioni da presidente della Regione Umbria, perché ritengo di tutelare così l’istituzione che ho avuto l’onore di guidare, salvaguardare l’immagine della mia regione e della mia comunità e al tempo stesso avere la libertà di dimostrare la mia correttezza come persona e come amministratore pubblico”. Mancano pochi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Salvini mi ha rubato lo slogan e poi mi ha pure rottamato”

prev
Articolo Successivo

Sanità Umbria, l’ultimo passo falso: la delibera-monstre che portò alla retata. Ecco perché Marini ha dovuto lasciare

next