Una brutale aggressione portata a termine prima con le mani, poi con un cavetto per ricaricare i telefonini e infine con un bastone, probabilmente l’arma letale. È così che è stata uccisa Romina Iannicelli, 44 anni, incinta di due mesi. Una gravidanza giunta dopo anni di attesa, che l’aveva resa felice e che invece si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

11enne ebreo aggredito a scuola “Riapriremo Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni”

prev
Articolo Successivo

Con la valigia o sulla croce: Troisi, ultimo attore-poeta

next