Il 7 marzo il Sudan era in pieno caos. Da poco meno di 4 mesi nelle piazze di Khartoum i dimostranti chiedevano le dimissioni del presidente dittatore Omar Al Bashir, al potere da quasi trent’anni anni, grazie a un colpo di Stato. Eppure quel giorno il nostro ministero dell’Ambiente rende operativo un accordo firmato nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In Venezuela l’Italia tenta la trattativa che piace agli Usa

prev
Articolo Successivo

Dietro il caos di Tripoli c’è il cambio di linea dell’America sull’Italia

next