Sudan e il finanziamento italiano al regime morente

A marzo 1,5 milioni di euro per progetti agricoli, mentre la rivolta sta per abbattere Bashir. Fondi forse finiti alle milizie anti-migranti
Sudan e il finanziamento italiano al regime morente

Il 7 marzo il Sudan era in pieno caos. Da poco meno di 4 mesi nelle piazze di Khartoum i dimostranti chiedevano le dimissioni del presidente dittatore Omar Al Bashir, al potere da quasi trent’anni anni, grazie a un colpo di Stato. Eppure quel giorno il nostro ministero dell’Ambiente rende operativo un accordo firmato nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.