Nella resa dei conti in corso in Libia si intrecciano dinamiche geopolitiche complesse. La maggior parte delle analisi si concentrano sul duello tra il presidente Serraj e il maresciallo Haftar, evidenziando come alle loro spalle si intravedano, rispettivamente, il nostro Paese e la Francia. Purtroppo c’è di più. Nella nostra ex colonia, sono entrati in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sudan e il finanziamento italiano al regime morente

prev
Articolo Successivo

Raggi a Stoccolma, Maglie in Usa e Castelli a Bruxelles – Gonne d’acciaio

next