La sera precedente l’inizio dell’offensiva contro Tripoli, il consigliere alla Sicurezza nazionale dell’Amministrazione Trump, John Bolton, chiamò il Feldmaresciallo Khalifa Haftar per convincerlo a desistere. Poche ore dopo, l’operazione iniziò. Haftar se lo è potuto permettere non solo perché gli Stati Uniti, pur chiedendogli di fermarsi, da mesi lo considerano parte della soluzione e non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

vauro

prev
Articolo Successivo

I “concorsi truccati” nella sanità umbra: ecco il sistema Pd

next