La Giustizia, si dice, prima o poi trionfa. Così sembra anche per il caso di Stefano Cucchi. Ci sono voluti dieci lunghi anni, ma i colpevoli dovrebbero (in Italia il condizionale è d’obbligo) pagare il fio dei loro misfatti. Ma sarebbe stato così anche se il povero Stefano non avesse avuto una sorella come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tav, la Francia tenta il bluff per evitare di ripartire i costi

prev
Articolo Successivo

Mail box

next