Santo Russo fa i miracoli. Ma non quelli canonici: uccide, e in questa accezione ha un ruolino di marcia da far impallidire Gesù Cristo. Il primo a cadere, Spadafora, gli ha picchiato il fratello, reo di non aver onorato un debito di gioco di 150mila lire. Santo prima abbozza, s’unisce al brindisi delle ’ndrine che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’acqua prigioniera del portafogli

prev
Articolo Successivo

Kurt Cobain, il “perdente” di successo (suo malgrado)

next