La mattina s’era presentato a Palazzo Chigi e al Quirinale col migliore dei sorrisi filo-italiani. A un’ora pericolosamente tarda del pomeriggio, invece, s’è ritrovato negli studi del network radiofonico EuranetPlus e Jean Claude Juncker è finalmente tornato se stesso: un politico lussemburghese dalla reputazione non impeccabile con una certa passionaccia per la maleducazione e la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tria è “ostaggio” della Bugno: Conte media e i 5 Stelle cedono

prev
Articolo Successivo

Il prossimo fronte di scontro: la scelta del capo di Sace (in conflitto d’interessi)

next