Sergio Mattarella è stato tentato dallo strappo. Ossia dal rinviare alle Camere la legge istitutiva della Commissione d’inchiesta sulle banche. Ma ieri ha firmato, ponendo però una serie di paletti, a tratti irrituali, alla commissione. Perché non è convinto del presidente indicato dal M5S, il senatore Gianluigi Paragone, teme danni per la Banca d’Italia e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Marta Dillon, intervista alla fondatrice di “Ni una menos”: “Da noi la stessa violenza sui corpi disobbedienti”

prev
Articolo Successivo

L’indipendenza a rischio? No, Visco non è Paolo Baffi

next