Presidente che vai, corruzione che trovi: in Brasile, i tre primi presidenti eletti nel XXI Secolo sono finiti in carcere, o sono stati destituiti, per corruzione. Chi condannato in via definitiva, come Lula, Luiz Inacio da Silva, sindacalista, eletto a due riprese, che sta scontando una pena di 12 anni; chi colpito da impeachment, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Stiamo con Saviano contro i prepotenti allergici al pensiero

prev
Articolo Successivo

Brexit, un milione chiede di rivotare: no al divorzio

next