La Procura generale di Bologna ha chiesto la revoca del proscioglimento, disposto nell’aprile 1992, nei confronti di Paolo Bellini per iscriverlo nuovamente nel registro degli indagati con l’accusa di concorso nella strage del 2 agosto 1980 alla stazione centrale. Un ulteriore passo dell’inchiesta sui mandanti e i finanziatori dell’attentato, dopo la notizia che la Procura […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Non c’è posto come Roma…”, i giornali cinesi da Istituto Luce

prev
Articolo Successivo

“Io, papà Ago e le armi per la giustizia fai da te”

next