A cavaldonato non si guarda in bocca, dicono: a meno che non si tratti di due grammi di hashish. È una lezione che è dovuta sfuggire a L.M., 31enne marocchino residente a Cremona, pregiudicato e disoccupato. Il ragazzo, infatti, aveva chiamato i vigili del fuoco affinché raggiungessero la sua casa, in via Sardagna, per sistemare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Stupro Circumvesuviana, libero il primo dei tre. I suoi legali: “Vittima consenziente”

prev
Articolo Successivo

Dopo l’intervento della polizia la “critical mass” finisce a botte Denunciati quattro ciclisti

next