“Stava sempre a parlare con i magistrati, soprattutto quando gli prendevano quei cinque minuti e tornavano a galla i rimorsi per gli innocenti che stavano in carcere per colpa sua”. È questo, e molte altre cose, Vincenzo Scarantino, il depistatore della strage di via D’Amelio, nei ricordi dell’ex moglie Rosalia Basile. Ascoltata a Caltanissetta nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un’accozzaglia per separare le carriere dei magistrati

prev
Articolo Successivo

In 50 mila con Libera e Avviso Pubblico: “La vera emergenza è ancora la mafia”

next