L’accecante talento di un familiare può, delle volte, spingere un fratello, una sorella, un coniuge a fare un passo indietro per timore del confronto o anche solo per indolenza. Una sera del giugno 1897, seduti a un tavolo del Cafè de la Paix a Parigi, Costantino Kavafis riflettendo sulle proprie intenzioni di essere un poeta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ombra lunga della depressione su un’innocua amicizia estiva

prev
Articolo Successivo

Solo un black-out ci salverà dal “D’Urso horror show”

next