“Per noi, quello che conta è che sono passati 20 giorni dalla morte di Imane e ancora non abbiamo una risposta chiara sul perché e sul come sia successo”. È la prima cosa che dicono, stravolti dal dolore, da una parte, e dalla pressione, dall’altra, i familiari di Imane Fadil. Sul corpo della giovane – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Boom di assunti stabili, ma salgono i disoccupati

prev
Articolo Successivo

“Sy aveva già provato a dirottare lo scuolabus”

next