La Chanson Egocentrique d’Occidente compie cent’anni. La poesia del me, me, me del piccolo ragazzo – l’anatema che distrugge il raglio dell’io-io-io – si riavvolge in un secolo. E chissà se Lawrence Ferlinghetti – lui è il festeggiato, nato a Yonkers, nello Stato di New York, nel 1919 – è riuscito a cambiarlo, il mondo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Se l’ospedale Bambin Gesù non ha niente da nascondere, pubblichi i suoi bilanci

prev
Articolo Successivo

Siamo nel 1819 ma sembra l’Uk della Brexit

next