In questo strano momento storico, doveva arrivare anche il giorno in cui mi sarebbe toccato difendere Ruby Rubacuori. E per una vicenda apparentemente laterale, meno significante dei suoi rapporti con Berlusconi o dei silenzi retribuiti. Una vicenda che invece si infila nello spinoso dibattito sulle sentenze che offendono le donne e su quel linguaggio sessista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Imane Fadil, i parenti: “Sappiamo con chi cenò la sera prima di sentirsi male. Non ci fermeremo”

prev
Articolo Successivo

Cucchi, un altro pezzo di Arma rischia il processo

next