Il piano per il cinema c’è, gli italiani no

L’iniziativa - Dal Mibac ai David, tutti uniti per salvare il botteghino (con i blockbuster d’estate)
Il piano per il  cinema c’è, gli italiani no

“Siamo all’ultima spiaggia?”. Non scherziamo, domanda irricevibile. Al contrario, “tutto il mondo dell’industria cinematografica si unisce in modo compatto per fare squadra e rilanciare il cinema come forma di intrattenimento culturale per tutto l’anno”, e questo progresso/processo si chiama Moviement. A parte quel sublime “unirsi in modo compatto”, distributori, esercenti, produttori e istituzioni, dal Mibac […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.