“Siamo all’ultima spiaggia?”. Non scherziamo, domanda irricevibile. Al contrario, “tutto il mondo dell’industria cinematografica si unisce in modo compatto per fare squadra e rilanciare il cinema come forma di intrattenimento culturale per tutto l’anno”, e questo progresso/processo si chiama Moviement. A parte quel sublime “unirsi in modo compatto”, distributori, esercenti, produttori e istituzioni, dal Mibac […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Sogni, sesso e cuori infranti”: la posta ha svelato le donne

prev
Articolo Successivo

La sentenza Tercas: perché Renzi dovrebbe querelare la Ue

next