Il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, in Somalia, la giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e l’operatore Miran Hrovatin morirono vittime di un agguato. Il proiettile di un kalashnikov colpì alla tempia Ilaria e una raffica raggiunse Hrovatin. A 25 anni di distanza da quegli omicidi nessun aula di giustizia è riuscita a scrivere una verità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, il testimone: “Li ho visti morire. Volevano che mentissi”

prev
Articolo Successivo

Via della seta (e via da questa Nato)

next