“Un siriano mi pregò di tornare da B. e ritrattare per soldi”

Nel 2012, in Tribunale a Milano, la ragazza raccontò ai pm di essere stata avvicinata (e minacciata) da Saed
“Un siriano mi pregò di tornare da B. e ritrattare per soldi”

È il 15 giugno 2012. Palazzo di Giustizia di Milano, aula 5° Penale. Imane Fadil è entrata per la prima volta nel Tribunale di Milano qualche mese prima, nel 2011, per l’udienza preliminare del primo processo Ruby. Da allora la modella di origini marocchine divenuta testimone chiave dell’accusa, partecipa a decine e decine di udienze. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.