È il 15 giugno 2012. Palazzo di Giustizia di Milano, aula 5° Penale. Imane Fadil è entrata per la prima volta nel Tribunale di Milano qualche mese prima, nel 2011, per l’udienza preliminare del primo processo Ruby. Da allora la modella di origini marocchine divenuta testimone chiave dell’accusa, partecipa a decine e decine di udienze. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Imane, “blindato” il corpo per evitare contaminazioni

prev
Articolo Successivo

Imane Fadil, qui viveva la ex modella: nella cascina sospesa nel nulla coi cartoni alle finestre

next