Da un lato assistiamo al caso di tre sventurati i quali, nell’ascensore della ferrovia Circumvesuviana, stazione di San Giorgio a Cremano (le porte si aprivano e chiudevano dando un turpe ritmo all’azione) violentano una donna, attirata col pretesto di scusarsi d’un’altra aggressione non andata a “buon” fine. I particolari non sorprendono: i tre non hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

“Seif” si quota. La Borsa non è un “mostro” ma un’opportunità per aziende in crescita

next