Per essere la quinta colonna di Vladimir Putin in Occidente, Matteo Salvini e la sua Lega sembrano piuttosto sensibili agli ordini in arrivo da Washington. Anche a costo di dare un dispiacere al Quirinale che si è assai esposto – con un pranzo al Colle e poi sulla stampa – per benedire il Memorandum tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ora basta: cominciamo a fare i nomi di chi fa circolare le foto private”

prev
Articolo Successivo

Scavalcati sul salario minimo: perché i sindacati dicono no

next