È meraviglioso. Il governo italiano, dopo lusinghe ultradecennali, sta per firmare un’intesa all’acqua di rose (già firmata da altri 13 Stati Ue) con la Cina che non è “un accordo internazionale”, né comporta “impegni legali e finanziari”. Diciamo che Roma e Pechino si danno conto di voler collaborare soprattutto sulla logistica per le merci: niente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pellicole prima in sala: Netflix disponibile al confronto con il Mibac

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next