La svolta sarebbe obbligatoria ma è forte il partito dei popcorn Se Cacciari fosse il leader del Pd non avrei il minimo dubbio sulla sua volontà di un dialogo con i 5stelle sulle tante cose necessarie al nostro Paese. Ma il nuovo segretario si chiama Nicola Zingaretti, degnissima persona ma, temiamo, non sufficientemente forte per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Freccero va a processo (e si difende)

prev
Articolo Successivo

Palazzo Provincia, il buco da 263 milioni

next