“Sea Shell”

Un mare di jazz: conchiglie, paguri e plastica

Ottolini fa risuonare oggetti ripescati dai fondali, denunciando l’inquinamento delle acque

12 Marzo 2019

Nato come “contributo di amore e di civiltà verso l’uomo e la natura”, Sea Shell – Musica per conchiglie è fotografia della follia dell’uomo moderno che sta uccidendo la forza vitale del mare. Mauro Ottolini per raccontarla utilizza la voce delle conchiglie e i suoni delle lattine gettate sulle spiagge, e ricicla in chiave musicale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.