C’è un fantasma che s’aggira per l’Italia: è la realtà e, nel nostro caso, la realtà di una crisi nazionale che vede il Pil ancora 5 punti più in basso e 1,8 miliardi di ore lavorate (e quindi pagate) in meno rispetto al 2008; che conta cinque milioni di “poveri assoluti” e 9,3 milioni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La cattiveria

prev
Articolo Successivo

Tav, Toninelli: “Telt ha ceduto, abbiamo più tempo e a costo zero. Il voto in Parlamento? Troveremo sintesi con la Lega”

next