Quando nel 2016 mi recai per la prima volta in Siria e vi rimasi per oltre un mese, visitai le campagne circostanti la città di Tartous. Quel paesaggio di struggente bellezza aveva un che di inquietante. All’inizio non seppi dire cosa fosse. Erano le immagini dei martiri. Campeggiavano in ogni villaggio, fuori da ogni casa. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Dollari & petrolio: perché l’America azzanna Caracas

prev
Articolo Successivo

La caduta dell’ultima roccaforte, nella regione di Deir el-Zor: fine del Califfato?

next