Youtube (e quindi la casa madre Google) non è la sola a prendere posizione sui no vax, vietando la pubblicità sui video che supportino le teorie antivacciniste (e quindi di fatto impedendone la monetizzazione): anche Facebook ha dato il via alla sua battaglia, tanto che in alcuni gruppi di no vax sul social network già […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“In 5 mesi prendiamo il Veneto” Sindaci e imprese in fila dai clan

prev
Articolo Successivo

Morandi, l’accusa: “C’è amianto, demolizione pericolosa”

next