Quando i miei nonni partirono verso gli Stati Uniti a metà degli anni Sessanta, non avevano dubbi su come chiamarsi, o su chi erano per gli altri: degli immigrati. Si sono insediati a Brooklyn in mezzo ai loro coetanei che erano partiti dalla Calabria o dalla Sicilia, e a differenza di tanti altri hanno deciso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Minorenni e plusvalenze: il club di Sarri punito per 2 anni

prev
Articolo Successivo

Droga, botte e paranoie: sono “Storie di ordinaria follia rock”

next