Ma perché, mi son chiesto più volte negli ultimi anni, Giuseppe Berto non ha il posto che si merita nel canone dei grandi autori italiani del Novecento? Apro le antologie scolastiche del triennio e vedo pagine su pagine dedicate a Italo Calvino. Pagine su pagine dedicate a Pasolini narratore e poeta. E Berto? Rare volte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Droga, botte e paranoie: sono “Storie di ordinaria follia rock”

prev
Articolo Successivo

Addio La Porta signore della notte “oltremarzullo”

next