Fatture false,, faccendieri e teste di legno per creare fondi neri: ora inizia ad essere più chiaro il perché dei tormenti nei lavori di rifacimento di via Marina a Napoli, il cantiere incompiuto da 20 milioni di euro che da anni sta spaccando la città tra le maledizioni degli automobilisti e degli orfani di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Rogo Thyssen: dei 4 italiani condannati due già liberi, gli altri lo saranno presto

prev
Articolo Successivo

Inter-Torino, Supercoppa Primavera, ultrà milanisti attaccano i tifosi granata

next