Dopo la forzatura normativa della nomina di Mario Nava a presidente della Consob (indicato per un mandato settennale nonostante fosse solo in distacco triennale “nell’interesse” della Commissione Ue) che ne ha causato le dimissioni a settembre, ora il governo gialloverde pare essersi messo sulla stessa pericolosa strada indicando alla presidenza l’82enne Paolo Savona, ministro degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il governo litiga pure qui: la Lega vuole la zona franca, Tria no

prev
Articolo Successivo

natangelo

next