“Adesso il Movimento ci ascolti, senza etichettarci come dissidenti”. Il grido di Riccardo Ricciardi, deputato 5 Stelle al primo mandato a Montecitorio, è un allarme per il Movimento: cambiare rotta, così non va. Anche perché i malumori nei gruppi parlamentari aumentano, complici la gestione del caso Diciotti e l’imminente voto in aula sulla legge leghista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tre motivi per cui i gialloverdi resteranno insieme al governo

prev
Articolo Successivo

“Non siamo guariti dal berlusconismo: l’Italia è malata grave”

next