Documenti falsi e mazzette per smaltire rifiuti pericolosi nelle isole ecologiche, nelle stesse discariche dove si sarebbe sviluppato anche un mercato nero in cui alcuni dipendenti infedeli dell’Azienda Municipalizzata Ambiente di Roma vendevano i componenti “pregiati” della spazzatura. Indagine dopo indagine gli inquirenti risalgono alle cause che hanno portato la Capitale d’Italia a essere una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“I Casalesi al posto della mafia del Brenta”. Retata in Veneto, in cella sindaco di Eraclea

prev
Articolo Successivo

Tangenti, biglietti Champions e favori: in manette i vertici dell’Ente previdenza infermieri

next