Se lo ricordano ancora quello scrutinio mozzafiato a Eraclea, cittadina turistica dell’Adriatico. La notte del 5 giugno 2016, l’avvocato Mirco Mestre, astro nascente del centrodestra, bruciò per 81 voti il sindaco uscente di centrosinistra Giorgio Talon: 2.528 consensi contro 2.447. Un’inezia, equivalente allo 0,78%. Ma erano voti dei casalesi. Così emerge dalle pieghe dell’inchiesta della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

La filiera del riciclaggio rifiuti dei dipendenti “infedeli” Ama: mazzette, sabotaggi e roghi

next