Tiziano Renzi è un po’ il “babbo” di tutti a Rignano sull’Arno. A lui si rivolgevano i suoi concittadini per cercare lavoro. Una sorta di agenzia di collocamento che faceva affidamento sulle cooperative delle quali – secondo le accuse dei pm di Firenze – si servivano i Renzi per caricare “dolosamente” i debiti previdenziali e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il “nemico” Maiorano e Silvia Gabrielleschi: la “fonte Marika” che veniva dalla Marmodiv

prev
Articolo Successivo

Il Pd tramortito e ostaggio degli ultrà renzusconiani

next