Let’s get lost. Ruth Young e Chet Baker si sono persi un giorno di fine settembre del 1982 al culmine di nove anni di complessa relazione, per ritrovarsi idealmente sul set del film-documentario di Bruce Weber. Lei, raffinata cantante jazz, grande interprete, perfetta musa ispiratrice e unica in grado di tener testa alle follie del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Star social e procuratore

prev
Articolo Successivo

Delta V, il ritorno: lotta di classe ed elettronica

next