“Ero la musa di Chet, ora vivo da emarginata”

La cantante jazz, ex compagna del trombettista Baker, è caduta in disgrazia: abbandonata da tutti, sogna l’Italia
“Ero la musa di Chet, ora vivo da emarginata”

Let’s get lost. Ruth Young e Chet Baker si sono persi un giorno di fine settembre del 1982 al culmine di nove anni di complessa relazione, per ritrovarsi idealmente sul set del film-documentario di Bruce Weber. Lei, raffinata cantante jazz, grande interprete, perfetta musa ispiratrice e unica in grado di tener testa alle follie del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.