Il capo della mafia messicana, Joaquín Guzmán Loera, non è solo il latitante più famoso della giustizia. Ha anche una fulgida carriera come disegnatore di tunnel, è scampato all’assassinio grazie all’aiuto involontario di un alto prelato. Ha acquisito fama di onnipresente ed è diventato amico delle star di Hollywood per giocarsi alla fine a New […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Diecimila in marcia contro la riapertura di via Corelli. Flash mob in piazzale Loreto

prev
Articolo Successivo

“Attore grazie a un amico, amo il dubbio e rosico se mi danno del fascista”

next