El Paso non ama né il muro né Donald Trump: l’amministrazione comunale e tre organizzazioni non profit locali avviano un’azione in giudizio contro lo stato d’emergenza. E dire che il presidente aveva scelto la città texana al confine con il Messico, separata solo da un ponte da Ciudad Juarez, ricettacolo di violenze e di traffici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Albania, un film già visto: assediata la casa del premier

prev
Articolo Successivo

Tutta la vita (ancora) davanti, ma con 25 euro per Amazon

next