“È nato senza dubbio prima il chimico, primogenito, che mi ha mantenuto per una trentina d’anni. Dopodiché è stata una dissolvenza incrociata: avevo cominciato a scrivere dopo la prigionia, perché non potevo farne a meno”. Così Primo Levi (1919-1987) raccontava di se stesso e dei suoi lavori, quello di chimico e quello di narratore, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Orso d’Argento a “La paranza”. Saviano lo dedica alle Ong

prev
Articolo Successivo

Il mantra (un caso di training autogeno)

next